martedì 3 ottobre 2017

LUNA PIENA IN ARIETE: Il Potere del Grande Risveglio!




Il Potere del Grande Risveglio è di non cedere alle provocazioni!


Sei pronto a compiere il salto nel vuoto? Pronto ad abbracciare l'ignoto e scoprire chi sei?

La Luna Nuova in Vergine che invitava all'abbandono di ogni controllo per riscoprire la missione al servizio del divino ora si trova a splendere Piena nel segno dell' Ariete, il 5 ottobre alle 20:37.

L'Ariete con fierezza e coraggio manifesta il suo diritto di esistere.
Spesso viene descritto come egoista ed aggressivo, ma queste sono solo due possibili manifestazioni del segno che nascondono in realtà una paura dovuta ad antiche esperienze.

Come scrivo spesso in ogni post, le energie planetarie non sono né negative né positive, siamo noi a decidere come manifestarle e spesso lo facciamo inconsapevolmente.

L'Ariete è un segno che invita l'Anima a manifestare la sua presenza ed il suo diritto di esistere, pertanto le due manifestazioni che può manifestare sono principalmente due. Coraggio e Paura.
Ma dove c'è coraggio, c'é paura. Come dove c'é orgoglio c'é umiltà.
E' un segno di fuoco molto impulsivo che viene stimolato a lanciarsi nel mondo, anche se prova paura. Pertanto spesso viene chiamato a compiere un salto nel vuoto. Infatti prima si lancia e poi pensa.

Questa Luna in Ariete, come vedremo in seguito, si troverà a splendere in casa dodicesima, dunque la sua vibrazione e l'invito evolutivo di questa combinazione, si manifesta in modo assai particolare, non come fosse in prima casa!!

Ricordo che siamo ancora all'interno del ciclo della Luna Nuova in Leone con Elcissi Totale di Sole che durerà ancora per un po' di tempo, dunque bisogna mettere in relazione oggi evento astrologico attuale con l'eclissi dello scorso 21 agosto.

Cerchiamo di entrare poco alla volta più in profondità.

Viviamo in un epoca assai importante ed alquanto destabilizzante a livello emotivo.
L'umanità si sta ribellando alla schiavitù ed alle ingiustizie subite per millenni, la rabbia comincia ad esprimersi e le lotte sono sempre più in aumento. E questo è un bene, ma tutto dipende molto da cosa in realtà stiamo cercando e come stiamo reagendo a tutto questo.

Quello che è certo è che viene richiesto molto coraggio ad ognuno di noi!
Chi mi segue da un po' sia nella mia pagina Facebook che sul mio profilo personale, si sarà reso conto che parlo molto spesso di Mente e Spirito e pertanto ogni mio articolo verrà scritto sempre in connessione al risveglio dello Spirito.

Se ti senti in linea con queste parole, ti invito con piacere a leggere le parole che seguiranno.
Al contrario potresti trovare più interessante questo questo articolo

Si parla ormai di risveglio e di apocalisse in ogni testo, articolo e libro. Vuol dire che se se ne parla qualcosa di vero ci sarà.

Se veniamo chiamati ad un risveglio, siamo tutti chiamati a renderci conto che siamo in qualche modo addormentati, ma in quale modo? E' questo che è importante comprendere perché ci farà scegliere da che parte stare. a destra, a sinistra.. o al centro!

Dobbiamo re-agire alle atrocità umane e lottare per cambiare le cose con rabbia, risentimento e giudizio o dobbiamo lasciar cadere una vecchia abitudine per compiere un salto nell'ignoto, nel mondo dove non esiste controllo previsione e certezza?

E' ormai evidente! Vi sono cose che non vogliamo più accettare, cose che non vogliamo più vedere né sentire!

Insomma... In un modo o nell'altro l'umanità è richiamata al risveglio! Ed il risveglio di cui voglio parlarvi, è quello che sto sperimentando in prima persona.

Cosa realmente è questo risveglio di cui tutti parlano?
Cosa significa veramente? Come posso risvegliarmi e da cosa devo risvegliarmi?
Sono forse addormentata come la bella addormentata? Sotto un incantesimo?

A mio avviso si.

Dunque per risvegliarci dovremo prima osservare con onestà l'incantesimo che ci ha ipnotizzato per vite e vite, o rischiamo di innescare l'ennesima bomba che ci ha rinchiuso in questa bolla di illusione.

L'Apocalisse di cui tanto si parla e che avrebbe dovuto darci per spacciati per l'ennesima volta, a mio avviso non è che il richiamo della morte dell'ego! Un ego che farà sicuramente resistenza e che non vorrà affatto rinunciare alla sua esistenza dopo che per millenni è stato in grado di creare dolore e sofferenza nell'essere umano. Dunque un ego che con la sua furbizia ed astuzia farà di tutto per farci reagire! e noi dobbiamo esserne consapevoli.. o ci ricadiamo ancora ed ancora rimanendo nel sogno, o meglio.. nell'incubo. Dobbiamo invece risvegliarci e scoprire chi siamo veramente.

Questa energia in Ariete pertanto potrebbe manifestarsi in due modi.

Lottando per difendersi con rabbia ed aggressività contro le ingiustizie e contro il governo accusando il carnefice e ribellandoci dal ruolo di vittima o accettando l'invito ad abbandonare la spada e a buttarsi nel vuoto a favore della Verità!

E per lanciarsi nel vuoto.. ci vuole forse più coraggio ancora! Perché ciò vuol dire abbandonare (insieme alla spada) ogni controllo ed ogni certezza!

Ma se siamo qui in questo momento, significa che siamo molto coraggiosi!!! 

Questo secondo me è l'invito più importante della storia dell'umanità. 

Sei pronto a dare il massimo di te stesso?

Per rispondere a questo invito dobbiamo essere forti e fiduciosi! Dobbiamo fidarci di una forza più grande di noi, dobbiamo abbandonarci e lasciarci cadere, dobbiamo smettere di giudicare l'assenza di Dio, o l'ego prende nuovamente il sopravvento e dice: ci penso io. No grazie! hai fatto abbastanza... 

Dobbiamo risvegliare il Guerriero Spirituale, quello coraggioso! Non quello che lotta aggressivamente per nascondere una paura, o per rivendicare l'esistenza del suo io/ego, ma quello che ha il coraggio di abbandonarla la lotta! Perché la lotta appartiene solo all'Ego.

Siamo talmente focalizzati nel vedere il conflitto all'esterno da non renderci conto di essere pedine del grande ego che non fa altro che metterci l'uno contro l'altro.
Focalizzati sulle ingiustizie umane rimaniamo tutti vittime della manipolazione della mente. (vittime o carnefice non importa, stiamo solo mantenendo in vita una menzogna). E la mente e l'ego sa benissimo il potere che ha. Per farci lottare contro qualcosa o qualcuno deve far nascere in noi una rabbia estrema illudendoci che ci stiamo ribellando, che abbiamo il potere di farlo, quando invece stiamo ricadendo nella stessa trappola. Ancora ed ancora.

La vera ribellione che dovremmo fare è contro la manipolazione mentale, ma non con rabbia e risentimento, quanto più con distacco ed attenta osservazione. Rimanendo vigili ogni volta che stiamo per ricadere nel tranello. Se riusciamo ad osservare con distacco la nostra relazione, con il tempo l'ego si dissolverà perché non gli daremo più alcun potere di esistere. Non lo alimenteremo più con la nostra energia.

Andiamo a vedere le posizioni planetarie principali di questo Plenilunio.

Questa Luna si trova proprio a splendere nello stesso territorio in cui si era fusa con il Sole solo due settimane fa, mentre il Sole in Bilancia si trova nella casa del segno che ospitava questo novilunio. Nella casa della Vergine.
I due luminari tra l'altro formano una quadratura con Plutone da poco tornato in moto diretto, vi sono vecchie credenze che fanno trasformate radicalmente!

Saltano subito all'occhio parole chiavi:

Fine di un ciclo, trascendenza e misticismo (12 esima casa), servizio umile (casa sesta) verso l'altro (Bilancia). Salto nel vuoto (ariete) e nell'ignoto (casa 12), trasformazione radicale, da mente inconscia a potenziale dello Spirito (Plutone)

Se riusciamo ad abbandonare ogni lotta personale al raggiungimento degli obiettivi del nostro ego che pensa solo a se stesso in cerca di approvazione, giustizia e riconoscimento, è molto più probabile che si risvegli in ognuno di noi il Guerriero Spirituale, piuttosto che l'Ego Spirituale.

In quest'era di grande e profondo cambiamento infatti, è facile cadere in questa trappola.
Lotta, lotta, devi fare qualcosa! 

Vi è così tanta sensazione di vuoto interiore, di sconforto per tutto quello che assistiamo nel mondo che spesso ci chiediamo: "ma che ci faccio qui! questo non è il mio mondo! voglio andare su un altro pianeta, che mondo malato, non ce la faccio più, sono stanca, sfinito, .. basta."

Eppure sei qui, e se sei qui devi essere qui ed hai sicuramente una missione da compiere, ma potrai scoprirla solo quando ti sarai liberato dal ruolo che il tuo ego e la tua mente ti hanno chiesto di interpretare a tua insaputa. Devi risvegliarti dall'ipnosi.

E' vero. Vi sono tante ingiustizie nel mondo, ma vi è un perché a tutto questo dolore.

L'umanità vive da millenni. Reincarnazione dopo reincarnazione ne ha dovute vivere di tragedie...
Ha continuamente subito ingiustizie e si è ritrovata più spesso sia nel ruolo di vittima che in quella di carnefice, ricreando continuamente l'illusione della dualità dove una manifestazione estrema non può esistere senza l'altra. 

Guerre, violenze, stupri, carneficine, e tanto altro ancora che evito di elencare ma che ben tutti noi conosciamo, hanno solo rafforzato la forza di potere egoistico che nasconde in realtà un enorme paura. Quella di ritornare nel ruolo di vittima.

Vi sono anime più forti delle altre, o meglio, vi sono anime stimolate da energie planetarie più forti, come anime nate con forti pianeti nei segni di fuoco, in prima casa e decima e con aspetti alquanto pericolosamente potenti da innescare facilmente il meccanismo di difesa piuttosto che l'invito evolutivo.

Osservo ogni carta del cielo con questa prospettiva (quella evolutiva), ed in ogni anima osservo un potenziale che va al di là del proprio potere personale! E allora perché i criminali (per esempio) non riescono a raggiungerlo?

Perché ancora sono identificati con il passato, con il karma, con le proprie emozioni, ingiustizie e maltrattamenti subiti, che a loro volta fanno subire agli altri.
Potrebbero momentaneamente sentirsi più forti ma non si rendono conto che stanno cedendo alla provocazione dell'ego e della mente, sentendosi magari più potenti, ma credo sempre inesorabilmente più soli nella loro potenza.

Una solitudine e separazione che forse non osano neppure riconoscere.

Ma anche noi dobbiamo avere il coraggio di essere onesti con noi stessi.

Tutto quello che noi osserviamo nel mondo, non è che un riflesso di tutto quello che noi come creature co-creatrici di questo Universo abbiamo creato nel corso dei millenni attraverso l'identificazione con i nostri ruoli, reincarnazione dopo reincarnazione.

Il dolore e la sofferenza ci ha portato addirittura a giudicare Dio!

"se Dio esistesse, tutto questo non succederebbe, Dio.. dove sei? come mai permetti tutto questo?" 

queste parole e sensazioni ci hanno separato dallo Spirito che in realtà è sempre stato presente, uno Spirito o Dio (o come volete definire questa energia) che sicuramente ha i suoi buoni motivi, un Grande Spirito che sicuramente sa bene che non vi è solo questa vita e che vi sono realtà che non riusciamo neppure ad immaginare, perché siamo troppo focalizzati sulla materia, sulla nostra vita, sul nostro piccolo territorio vedendoci separati l'un l'altro. Io, mio, io io io, mio mio mio.. me... per me ....a me..

E' infatti la separazione dalla fonte che ha creato tutto questo dolore nel mondo dando la possibilità all'ego di prendere spazio e di assumersi il ruolo di Dio: ci penso io! Questo è giusto e questo è sbagliato. Se è sbagliato.. devi soffrire. e noi rispondiamo a questo comando come burattini.

L'Ego ha preso possesso di ognuno di noi sia singolarmente che collettivamente ed ha creato gruppi che lottano contro qualcosa ed a favore di una causa e che per sentirsi utili e vivi devono mostrare di avere ragione attaccando l'altro con forza e determinazione. L'altro dal canto suo, reagisce alle provocazione e contro-attacca.
Ma se siamo uno lo specchio dell'altro, e se facciamo parte di un unica fonte.. non significa forse che stiamo attaccando e giudicando noi stessi?

Lo so che è difficile vedere nello stupratore un riflesso di noi stessi, ma forse quello che lo stupratore ci sta mostrando è la nostra rabbia repressa, e tutte le ingiustizie che abbiamo subito e che poi esercitiamo in un modo o nell'altro.. sull'altro, accusandolo. L'ego ci sussurra all'orecchio quanto malefica sia quella persona, e quanto questo mondo è malato per mantenere in vita la separazione e non farci risvegliare alla consapevolezza che siamo molto ma molto di più di tutto questo! Dunque noi inconsapevolmente permettiamo al carnefice di continuare ad esistere.

L'Ego non vuole morire!

Dunque in un era in cui veniamo chiamati al risveglio, aspettatevi tante provocazioni da parte sua.

Ci vuole un enorme coraggio a non cedere!

Convinti di essere nel giusto l'Ego in noi continua a ritenere che c'é qualcuno che ha torto perché la vede in modo diverso da noi, ci sussurra che l'altro va giustiziato, ci sussurra che dobbiamo lottare, armarci di forza e coraggio ed annientare l'ingiustizia nel mondo ed aiutare gli altri a far parte della nostra causa, cercando di convincerli della nostra ragione. Diventiamo i carnefici buoni contro le vittime cattive, che magari poi si re-incarnano in carnefici cattivi mantenendo in vita sia il carnefice che la vittima, ancora ed ancora.

Questo atteggiamento mantiene in vita la separazione. Non tanto è utile sapere chi ha torto e chi ha ragione. Quel che conta è riuscire a "cambiare" questo mondo che tanti di noi considerano malato, e possiamo farlo solo se iniziamo a puntare il dito verso noi stessi per osservare come agisce (o meglio re-agisce) il nostro ego, cosa ci racconta, quale è il ruolo che sta interpretando, se si sente soddisfatto e sereno, o se ancora c'é qualcosa che reputa sbagliato. E' ora di affrontare le proprie ombre, di farle riemergere e di lasciar cadere le maschere dietro le quali ci nascondiamo. Tutti, nessuno escluso.

Con l'entrata di Giove nello Scorpione, verrà ulteriormente evidenziato questo mondo tabù e tutto quello che non siamo riusciti ad affrontare fino ad ora. Come vedremo nell'articolo dedicato a questa importante combinazione planetaria che scriverò a breve.

Dobbiamo pertanto essere onesti il più possibile,  (come il segno dello scorpione richiede) ed imparare ad osservare cosa si sta rivelando e cosa sta riemergendo dai profondi abissi. Lo Spirito ci mostrerà tutto ciò da cui ci dobbiamo dis identificare, e la mente farà di tutto per farci reagire con rabbia a quello che ci mostrerà. Tenetelo a mente nell'anno a venire...

Tutti noi desiderano la pace, ma questa deve essere una pace che andiamo a conquistare abbandonando la Lotta. 

Alle nostre latitudini sarà il segno del Toro ad ascendere ad Est nel momento del Plenilunio, richiamando questo profondo desiderio di tranquillità, pace e silenzio.

Essendo Venere il pianeta governatore, vi è un altra configurazione planetaria a richiamare al servizio.

Venere splende nel segno della Vergine in strettissima congiunzione con Marte. Il Guerriero!
ed entrambi splendono in casa quinta.

Formano una quadratura con Saturno ancora nel segno del Sagittario fino al 20 Dicembre.
Un Saturno che si trova congiunto alla Luna Nera in casa ottava. Nella casa di Ade! (dimora dello Scorpione). Ancora intensità...

Se pertanto non ci impegniamo (Saturno) a compiere un viaggio (Sagittario) nel nostro inconscio (casa ottava) per affrontare con distacco ed onestà la reazione della nostra mente e del nostro ego, Venere e Marte in Vergine (formando una quadratura) potrebbero manifestare il lato ombra del segno della Vergine: il giudizio! facendoci reagire con rabbia (Marte) attaccando per difesa le ingiustizie alle quali stiamo assistendo.

Se invece accogliamo l'invito evolutivo di Saturno ed osserviamo quello che lo Spirito ci sta mostrando (che sia come riflesso e dunque proiettato all'esterno o che sia evidente attraverso il nostro sentire), possiamo riconoscere che al di là di tutto abbiamo un valore inestimabile, un valore che non siamo mai riusciti a manifestare e riconoscere perché siamo sempre stati rinchiusi in noi stessi custodendo e difendendo a denti stretti la nostra zona comfort.
In quel caso possiamo offrire il nostro servizio al mondo.
Marte pertanto stimola a ritrovare il coraggio di riconoscere il nostro valore e di gioire della Vita.

Ma torniamo alla Luna Piena, in fin dei conti è lei la grande protagonista.

Una Luna che non dimentichiamo non potrebbe mai splendere senza il Sole.

Pertanto un guerriero Spirituale che non potrebbe mai manifestarsi se non potesse essere di aiuto all'altro, ed un guerriero che non si potrebbe mai risvegliare se non si rispecchiasse nell'altro! (Bilancia)

Dobbiamo dunque avere il coraggio di ascoltare l'altro, e di osservare con distacco quello che gli altri ci vogliono mostrare senza prenderla sul personale, perché quello che in realtà mostriamo uno all'altro è sempre il nostro ego, non chi siamo veramente! Il problema e che se non ci piace quello che ci viene mostrato reagiamo spesso con aggressività ed andiamo al contrattacco.

Dolce e meravigliosa anima in cammino, comincia dunque ad osservare l'altro come se stessi osservando te stessa. Osserva anche nella persona che ti viene da odiare, cosa ti sta mostrando.

Osserva l'estremità di te stesso, e riconosci che fino a che vedi l'opposto di quello che sei, vivi ancora nel mondo della dualità e nel mondo dell'ego e della mente, perché lo Spirito non vive agli estremi, ma vive al centro!

Osserva pertanto le tue reazioni con onestà e coraggio!
Quale reazione risveglia in me questa visione o questa esperienza?

"A guarda, la mia mente si sta giustificando in questo modo... mi fa sentire ingiusta o nel giusto, o mi fa sentire che devo agire e devo fare qualcosa, oppure mi sta dicendo che questo è giusto e questo è sbagliato ed io devo fare qualcosa" - lascia cadere la spanda, non fare, ascolta ed osserva in silenzio.

Osservando il tuo ego come parte separata da te comincerai poco alla volta a dis identificarti dal ruolo ed intraprenderai il viaggio del risveglio.

Io.. fino a che dico.. IO devo fare qualcosa, lo sto ancora facendo per me stesso più che per gli altri.

Dunque l'Io dell'Ariete deve dissolversi nella casa dei pesci e deve terminare il suo ciclo.

Il noi della bilancia deve osservare se non si sta annullando per l'altro ancora una volta e se non sta manifestando l'altro lato della bilancia. L'annullamento di se stessa in favore dell'altro. O se non si sta travestendo da giustiziere.

Non esiste un IO nel mondo dello Spirito, non esiste neppure un noi. Esiste un UNITÀ! ed è quella alla quale dobbiamo unirci.

Urano forma un trigono con Saturno sostenendo il viaggio interiore di ribellione dello Spirito ed entrambi si congiungono con un trigono al Nodo Lunare Nord che si trova in Leone, nella dimora dell'Anima!

Dobbiamo aprire il nostro cuore. Riconoscere chi siamo! 
Ma dobbiamo avere pazienza, il risveglio non avviene in poco tempo.

Abbiamo però la possibilità di intraprendere un nuovo viaggio, prima ancora che Saturno entri in Capricorno richiamando all'estrema diligenza!

Dobbiamo riconoscere chi siamo veramente se vogliamo adempiere alla missione spirituale più che egoica in cerca di approvazione. Non dobbiamo più cadere nel tranello del giudizio continuo che mantiene in vita la separazione.

E per non cadere nel tranello dobbiamo essere vigili, presenti ed ancorati sia al cielo che alla terra, perché le emozioni dell'essere umano (soprattutto quando negative) agiscono come un uragano e sono in grado di farci a pezzi!

Dobbiamo diventare forti come un albero che riesce a rimanere in piedi nonostante la tempesta.

Il mio consiglio pertanto in quest'epoca di grande risveglio rimane sempre lo stesso.

Connettetevi al qui ed ora! Osservate la realtà che avete difronte ai vostri occhi, osservate come la vostra mente è abituata a REagire, osservate chi la vostra mente cerca di convincervi che siete.

Fate sempre profondi respiri, camminante nella natura il più possibile, non cedete a nessuna tentazione di contrattacco e giudizio. Rimanete vigili e presenti sempre, e comincerete a risvegliare il Guerriero Spirituale sempre stato presente in ognuno di voi, e finalmente scoprirete di non essere mai stati soli, ma solo vittime di un incantesimo.

Abbandonate ogni resistenza ed ogni lotta, lasciatevi cadere con fiducia nell'ignoto, lo Spirito sarà pronto ad accogliervi in questo abbandono. Non toccherete alcun fondo, non sentirete alcun dolore, non potrete farvi alcun male, perché non cadrete affatto a terra, vi sbucheranno le ali e comincerete a volare.

Buona Luna Piena

Claudia Sapienza

1 commento:

  1. Veramente bello, completo, chiaro. Brava. Grazie di cuore. Marina

    RispondiElimina