lunedì 4 settembre 2017

EQUINOZIO DI AUTUNNO: L'Arcangelo Michele ci invita ad una scelta!






E con l'entrata del Sole in Bilancia il 22 Settembre alle ore 22:02 si spalancano le porte all'Autunno. In questo preciso istante ha luogo l'Equinozio d'Autunno al quale presiede l'Arcangelo Michele.

Il Numero 2 sembra proprio voler attirare la nostra attenzione pertanto vorrei dedicargli solo una piccola parentesi.

Non voglio entrare nel dettaglio della numerologia, anche perché non è il mio campo, lo analizzerò dunque solo superficialmente proprio perché non posso evitare di notare il 2 che si trasforma in UNO.

Il numero 2, tra le altre cose, rappresenta la dualità, dimensione della mente. E pure nel segno della bilancia si vedono 2 piatti.

Interessante notare che se facciamo la somma di tutti i 2 della data più orario (senza prendere in considerazione l'anno ed il mese) la somma da UNO.

L'UNITÀ

22 Settembre alle 22:02 = 2+2+2+2+2 = 10 =

volgiamo inserire anche il mese e l'anno? ok!

22.09.2017 22:02 = 2 + 2 + 9 + 2 + 1 + 7 + 2 + 2 + 2 = 11 = 1 +1 = ancora 2


Dunque il numero 1, 2  sono in parte protagonisti di questo evento. 

Per approfondire ulteriormente l'argomento numerologia vi invito a leggere l'articolo apparso sul blog di Visione Alchemica 

Ma questa è solo una menzogna della mente. In realtà tu sei già Pace e Luce, solo che non la puoi riconoscere appunto perché ancora ti identifichi con le ferite del passato, e sei proiettato verso il futuro in cerca di un maggiore benessere, dimenticandoti senza rendertene conto di vivere il presente!
Non ha davvero senso continuare ad accanirsi sull'altro e sugli errori che l'umanità ha commesso nel passato e nel presente, sarebbe molto più saggio concentrarci con noi stessi e lottare per ristabilire il vero equilibrio interiore. Il giudizio, la rabbia e la vendetta, creeranno solo disarmonia e ci tengono lontani dalla nostra vera Essenza.
"Riflettendoti nell'altro troverai te stesso"
La luce del Sole che illumina la giustizia e la vera pace interiore fa una quadratura a Saturno che si troverà a splendere in casa settima.

UNO come unità
DUE come dualità

Dopo questa breve introduzione torniamo ad osservare piuttosto cosa succede in questo particolare momento dell'anno.

Con l'arrivo dell'equinozio, che sia di primavera o di autunno, il giorno e la notte si suddividono le ore in parti uguali!



Dopo l'equinozio di primavera le giornate si allungano, mentre dopo l'equinozio di autunno cominciano ad accorciarsi, pertanto ogni giorno che passa la luce lascerà un po' più di spazio all'oscurità.

Ed è esattamente in questo momento, nell'equinozio di autunno, che veniamo chiamati a fare una scelta importante! Una scelta tra Luce ed Oscurità.

Osserviamo invece cosa accade in natura.

L'autunno è davvero meraviglioso e ricco di colori.
In questo periodo la Natura ci fa dono della sua infinita bellezza prima di invitarci ad un'introspezione profonda con l'arrivo dell'inverno. Un inverno che sarà alquanto rigido ed introspettivo visto che l'austero Saturno farà la sua entrata nel suo segno, il Capricorno, proprio all'inizio della prossima stagione.

Ma non ora... Dunque rimaniamo focalizzati su questo presente e vediamo di addentrarci più in profondità andando ad analizzare il cielo, la terra e la simbologia.

In autunno, quando la natura regala i suoi frutti, è il momento di fare delle scelte, il momento di decidere cosa è giusto tenere e cosa è arrivato il momento di lasciare andare perché non rivelatosi utile alla nostra evoluzione, o meglio.. al nostro risveglio!

E' infatti in autunno che gli agricoltori smistano i frutti tenendo quelli perfettamente maturi e sani e restituendo alla natura quelli meno utilizzabili. Le mele marce tornano alla terra e i semi intatti vengono custoditi per la primavera successiva.

E noi, come parte integrante di questa natura, veniamo invitati a fare altrettanto.

Dobbiamo prepararci a ritirarci in letargo, lasciando fuori il superfluo, un letargo che come abbiamo visto sarà assai introspettivo e gelido chiedendoci di liberare tutto, ma davvero tutto il superfluo, per cercare il calore del nostro Spirito.

Osservando il tema natale dell'Equinozio di Autunno di quest'anno sembra che veniamo invitati a  riconquistare la gioia di vivere liberandoci dai fantasmi e dalle ferite che ancora ci rincorrono dal passato. Gioia di vivere, si perché il Sole si trova a splendere nella casa gioiosa del Leone.

Il 22 settembre al momento dell'equinozio la Luna invece splende in casa sesta nel segno dello Scorpione e si troverà congiunta a Giove ancora nel segno della Bilancia, incoraggiandoci non solo ad essere onesti con le nostre emozioni fino in fondo, ma di integrarle nella nostra quotidianità, facendole fluire nel nostro corpo, accogliendole con fiducia ed amore evitando di continuare a reprimerle in quanto fastidiose.
Emozioni represse infatti potrebbero poi esplodere come un vulcano. E chi ha i luminari in scorpione o in aspetto a Plutone lo sa bene.

Giove e Luna saranno entrambi opposti ad Urano, ancora in Ariete che dalla dodicesima casa ci invita a varcare la soglia dell'ignoto per trovare la vera unità, che poco ha a che fare con l'individualità.
Ci invita infatti a ribellarci dal dominio dell'ego e della nostra personalità che con continui pensieri ci tiene ancorata al passato e proiettati verso il futuro. Ma per fare questo salto nel vuoto, ci vuole coraggio, non a caso Urano si trova nel segno dell'Ariete!

L'appoggio di Giove si rivela fondamentale e di grande aiuto a questa Luna opposta al pianeta dell'imprevedibilità, perché Giove non solo invita all'espansione, ma stimola la nostra fiducia.

"Abbiate Fede, non abbiate paura, per ristabilire equilibrio dovete solo fare un viaggio nel mondo inconscio delle vostre emozioni, riconoscere chi siete ma per scoprire soprattutto chi non siete, per scoprirlo però dovete prima portare alla luce queste emozioni che vi tengono ancorati ad un passato che non esiste più e dovete lasciarvi cadere nell'ignoto sicuri che io.. sarò pronto a prendervi
.. firmato Lo Spirito

La Bilancia come ho scritto in questo post in Facebook, ha un dono particolare. Quello di mantenere un equilibrio che spesso però si rivela assai controproducente, soprattutto quando per mantenerlo rinnega sé stessa o per compiacere l'altro oppure per mantenere ogni emozione sotto controllo.

Trovandosi il Sole in opposizione a kirone l'invito sembra essere abbastanza chiaro.
Se davvero vuoi vivere l'armonia che cerchi, devi prima integrare le tue ferite, piuttosto che continuare a controllare, perché così facendo, in realtà, permetti loro di controllare la tua Anima.

Se vuoi ristabilire un equilibrio sano e duraturo, quella pace alla quale anela ogni bilancia ed ogni Anima in cammino, dovrai prima sbarazzarti di ogni ricordo legato ad una vecchia ferita, paura e condizionamento inconscio, altrimenti verrai costantemente stuzzicato e provocato dalla tua stessa mente che ti terrà vincolata a credenze e dinamiche mentali illudendoti che fattori esterni ti impediscono di raggiungere l'armonia e la pace che cerchi. 


Poniti dunque queste domande:

Mi sento in pace ed in armonia?
Permetto alle emozioni di esprimersi o le tengo sotto controllo?
Riesco a mantenere la pace quando arriva o è solo momentanea e dovuta a fattori esteriori?
Riesco a gestire le mie emozioni, o sono loro a gestire me?
e riguardo alle scelte: dove focalizzo la mia attenzione?

E' di vitale importanza comprendere che noi non siamo le nostre emozioni, e non siamo neppure i nostri pensieri.

Osservate attentamente ogni vostro pensiero, analizzatelo pure visto che Mercurio si trova in Vergine al momento dell'equinozio e congiunto a Marte (sempre in Vergine). Chiamate i guerriero che vuole mettere giustizia, ma attenzione a non farvi trascinare dal lato ombra di questa combinazione, il guerriero che si ostina a voler analizzare ogni minimo dettaglio perdendosi nella sua stessa mente, e non riuscendo più a trovare ordine interiore, si accanisce poi sugli altri, iniziando a giudicare e condannare.

No, siate i guerrieri Spirituali, quelli che vogliono condurvi a voi stessi, mettendo davvero ordine interiore.

La mente, mente. E' un detto che diciamolo.. funziona bene solo in italiano, ma approfittiamo di questa "coincidenza".

Se la mente mente, vuol dire dunque che se io le credo c'é una forza maggiore che mi manipola, che mi illude, che mi offre sogni e speranze oppure mi racconta storie drammatiche ancora ed ancora.

E se ascoltando la mente (sempre credendole) io non mi sento in armonia, allora vuol dire che come anima forse non sono connessa con la fonte e con me stessa. Bisogna dunque fare non solo un po' d'ordine ma anche giustizia.

L'Arcangelo Michele viene rappresentato con una Bilancia in mano non a caso, ed ancora non a caso viene festeggiato a pochi giorni dell'equinozio di Autunno.
Lui fu colui che secondo il credo cristiano sconfisse Satana difendendo la fede in Dio per ristabilire giustizia.
Si narra che Lucifero (che poi significa portatore di Luce) fu condannato per la sua superbia ed arroganza, convinto di essere allo stesso livello di Dio.

Vuol pertanto dire che se noi ci riteniamo al suo stesso livello veniamo puniti ed andremo all'inferno dove Lucifero (o Satana che fa più paura) ci accoglie a braccia aperte nelle fiamme del suo regno?

No di certo. Questa è solo la manipolazione religiosa che ci ha reso schiavi di una credenza nata con l'unico scopo di spaventare l'umanità allontanandola dal suo stesso potere per renderla più manovrabile.

Ma non è comunque del tutto sbagliato.

Noi, è vero, siamo vittime della nostra superbia e del nostro Ego che ci regala effimeri piaceri e che ci illude di conquistare una gioia eterna, desideri che in verità ci tengono legati ad una continua insoddisfazione perché ci tengono ancorati ad un'illusione terrena.

Quella legata all'avere piuttosto che all'essere.
Quella legata ad un'identità personale, che ci divide dall'altro e dalla consapevolezza di essere tutti UNO e legati da un'energia che non è che abbiamo rinnegato, ma che piuttosto abbiamo dimenticato.

Non veniamo puniti in quanto condannati per essere superbi, e non veniamo affatto puniti!
Siamo solo noi a "pagare" e ad impedirci di conquistare la vera felicità perché ci focalizziamo nella direzione sbagliata, dando retta alla mente.

E' questa la vera punizione, e non ci viene affatto afflitta da Dio, ma solo da noi stessi e dalle nostre scelte condizionate dalla paura e dalla perdita della consapevolezza su chi siamo realmente.

Siamo noi che scegliamo di identificarci con quello che ci racconta la mente, non ci viene affatto imposto, ma diciamo che ci cadiamo per abitudine.

Ma discernere tra il bene ed il male spesso non è facile. Spesso sono così uniti tra di loro da apparire totalmente fusi uno con l'altro, pertanto viene richiesto tempo e pazienza per poter discernere uno dall'altro. Separare i contrari è spesso impresa assai difficile.
Come in natura stessa, non è possibile separare la noce dal suo mallo prematuramente. Pertanto dobbiamo adeguarci alla legge della natura, che sa esattamente come fare.
Grazie al tempo, lascerà maturare il frutto fino a quando il mallo si aprirà, liberando la noce senza il minimo sforzo. Ogni cosa ha bisogno il suo tempo per maturare. i separeranno tra di loro automaticamente e senza alcuno sforzo.

Dobbiamo dunque essere maturi anche noi per poter distinguere la mente dallo Spirito. Il bene dal male.

Certo, c vuole pertanto tempo per staccarsi dalle proprie abitudini, ma ciò non significa che sia impossibile. Ogni cosa a suo tempo.

Tutto nasce e tutto muore, lo insegna la natura stessa. Tutto è in costante mutamento, il problema si pone quando noi poniamo resistenza al cambiamento, occorre pertanto un aiuto e l'aiuto è sempre a portata di mano, basta chiedere.

Possiamo fare delle scelte consapevoli una volta che abbiamo messo luce sui nostri meccanismi mentali (abitudini).

Bene, siamo nel mese della scelta e della giustizia, approfittiamo dunque!

Il 29 Settembre, 7 giorni dopo l'equinozio, si festeggia San Michele.

Veniamo pertanto stimolati a  fare giustizia dentro di noi con il suo sostegno e di smettere di giudicare gli altri, il Cristianesimo o le altri religioni per quello che hanno fatto o non fatto, detto o non detto, o che continuano a fare e dire, perché così facendo ci stiamo focalizzando sull'oscurità sperando di sentirci in qualche modo migliori. Questa è l'arroganza dell'angelo caduto.

E' arrivato i momento di fare le nostre scelte, e scegliere quali semi tenere e quali buttare.

Quali pensieri sono veramente utili al mio benessere?
Quali mi nutrono e nutrono tutta la collettività facendoci davvero percepire un unità?
Il giudizio, la rabbia ed il risentimento.. sono davvero utili alla mia Anima già fin troppo sopraffatta dalle emozioni della mente?
Quello che vedo all'esterno, potrebbe forse essermi utile a vedere la maschera che indosso per proteggere la mia paura?

Ricordiamoci che l'eclissi totale di Sole è ancora attiva, per alcuni lo potrebbe essere addirittura per quasi tre anni. Pertanto il nostro ego in un modo o nell'altro ci verrà rivelato. Il punto rimane sempre quello. Cedo alle sue provocazioni, o ringrazio perché posso vedere la falsa maschera con la quale mi sono identificato per troppo tempo?

Giudico l'altro per tutto il male che vedo, oppure lo ringrazio perché mi sta mostrando qualcosa?
Giudico la vita terrena ritenendo che Dio non sta facendo bene il suo lavoro, e dunque io devo intervenire, oppure mi fido ciecamente del piano divino sapendo che sta scuotendo le anime affinché scelgano la via del risveglio?

A mio avviso è davvero inutile pubblicare su Facebook tutte le atrocità commesse dagli altri giudicandoli con aggettivi che continuano a mantenere viva la realtà che ci illudiamo di combattere. (ogni parola ha una vibrazione potente, e noi siamo dunque responsabili di ogni parola che pronunciamo e scriviamo)

Ogni scelta che noi facciamo, in ogni singolo istante della nostra vita è estremamente potente ed importante perché determinerà il nostro futuro, ma soprattutto come decidiamo di vivere ora, nel presente!

Pensateci bene..

Ogni scelta sbagliata fatta nel passato è stata condizionata dalla paura e dall'ignoranza.


Perché non seguiamo allora l'invito riservato al Segno della Bilancia?
In sintesi.. giudicando l'altro giudichi te stesso.
Amando l'altro per quello che è riuscirai ad amare anche te stesso.

E dunque... Cosa possiamo fare noi per cambiare qualcosa?
E' questo a cui dobbiamo pensare!

Michele Arcangelo con la sua spada non vuole affatto sconfiggere il diavolo in noi, non vi è nessun diavolo, ma solo scelte basate sulla paura di non essere mai abbastanza se non possediamo qualcosa o qualcuno, se non veniamo riconosciuti per come veniamo visti. E tutte queste emozioni e paure appartengono al nostro ego che si è dovuto costruire una fortezza dietro la quale difendersi attaccando quando si sente minacciato.

Michele Arcangelo ci invita a dare un taglio netto con il passato e a sconfiggere le nostre paure. Ci stimola a fare la nostra scelta!
Ci vuole solo liberare dall'illusione del male che null'altro si basa sulle scelte che tutta l'umanità ha fatto nel corso dei secoli, e liberare anche dal desiderio continuo dell'ego che come una fiamma brama e deve per forza ardere qualcosa per essere vista!

Ci invita a ristabilire una giustizia interiore, valutando attentamente con coscienza e consapevolezza se davvero esiste l'errore, o se invece... ogni sbaglio fatto da noi e da qualunque altro non aveva lo scopo di farci perdere ... per farci ritrovare.

Insomma, un'altro modo per riportare la Luce... e qui ci ricolleghiamo al significato di Lucifero, portatore di Luce. 

Saturno ci chiede di maturare e di assumerci le nostre responsabilità senza continuare a scaricarle sugli altri.

Smettiamola dunque di giudicare e criticare l'altro o il piano divino.

Non sta a noi fare giustizia Divina.
Possiamo solo pensare a noi stessi e guarire dalle nostre ferite. Giudicando l'altro è come se scegliessimo di controllare le nostre emozioni e di rendere responsabile l'altro delle ferite della nostra Anima. Ma l'altro è sempre e solo il nostro specchio. Non dobbiamo criticare le sue scelte, ma osservare le nostre! e mettere luce sulle dinamiche della nostra mente!

Per risvegliare le nostre emozioni più inconsce e soprattutto quelle legate alla paura che poi ci spingono a giudicare l'altro per difendere le nostre stesse paure, dobbiamo entrare in contatto con le nostre emozioni dolorose. Emozioni che spesso e volentieri si lasciano sepolte.
E sono proprio loro ad assumere quel ruolo malefico dentro di noi, convincendoci a livello inconscio di essere guidati dal male e non meritevoli d'amore, giudicati da Dio ed attesi da Satana.
Ma queste sono solo credenze collettive che si basano su scelte e su manipolazioni subite centinaia di anni fa, questa è l'illusione della menta dalla quale dobbiamo risvegliarci.

E come il seme ha bisogno di tempo per germogliare, anche le paure di un tempo mostrano i loro frutti nel presente che noi ora viviamo, dunque.. anche i semi che scegliamo di custodire oggi, daranno i loro frutti domani!

L'invito pertanto è quello di rivolgerci dentro noi stessi e di osservare attentamente quello che pensiamo dell'altro e della realtà che ci circonda, perché in verità ci sta mostrando quello che noi pensiamo di noi stessi nel profondo dando utili indizi su cosa lavorare, cosa lasciare andare e cosa lasciar invece maturare a nuova vita.

Smettiamola anche di giudicare noi stessi, ma utilizziamo l'energia del momento per discernere non tanto  il giusto dallo sbagliato, ma quanto più comprendere cosa ci fa realmente bene e cosa può impedirci invece di raggiungere una gioia eterna. 

Se un pensiero vi fa stare male, perché seguirlo?
Il pensiero non è reale, o ci tiene ancorati al passato o ci proietta in un futuro.

E se il presente attuale non ci piace, perché combatterlo e volerlo cambiare se non è possibile? perché volere essere come Lucifero che si credeva Dio e come lui ci arrabbiamo se le cose non sono come decidiamo noi? Ma chi siamo noi? Nulla senza lo Spirito!

La nostra fiducia dobbiamo rivolgerla altrove, al di là della nostra mente, al di là delle nostre paure, al di là dell'immaginabile!

Sarà il Segno del Gemelli ad ascendere ad Est invitandoci alla leggerezza, e alla gioia. Mercurio suo governatore si trova in Vergine a braccetto con Marte non troppo lontano da Venere, sempre in Vergine.

Ordine e giustizia, ma anche senso del valore ritrovato!

Ed il Nodo Nord (direzione dell'Anima) sempre in Leone, si trova in casa quarta. Dimora dell'Anima!
Dobbiamo aprire il nostro cuore.

Se scopriamo chi veramente siamo, non vi sarà infatti più nulla da dimostrare, ed in un attimo ci scopriremo tutti Re e Regine!

Non sentire anche voi il desiderio di tornare a casa?

Non di fuggire da questo mondo, non è quello che intendo!

Ma di trovare la casa dentro di noi, per riuscire veramente a gioire della vita in ogni istante!

Io si!

Buon equinozio a voi dunque,

che possiate sempre e comunque godere delle bellezze del creato e riusciate a ritrovare questo bellezza riflessa dentro di voi.

La Luce dello Spirito non brilla di Luce riflessa e non deve ardere nulla per mostrare la sua fiamma, siate Spirito e smascherate la mente che si nutre della nostra luce per mantenersi in vita.

Affidatevi a Michele Arcangelo o al vostro Spirito.

Risvegliamoci all'Essenza! Noi tutti siamo già Luce, dobbiamo solo ritrovarla e mantenerla dentro di noi e per farlo non dobbiamo criticare nessuno!

Questa è l'unica giustizia che conta, ed è in questo percorso che Michele Arcangelo ci accompagna!

a discernere tra Spirito e mente, e per mente intendo quell'entità che vuole convincerti di essere una personalità!

Riconosci di essere Spirito e quella stessa mente non avrà altra scelta che servirti.

Buon Equinozio e Buon Autunno...

Claudia Sapienza

1 commento: